Piscine fuori terra: consigli per la scelta

L'estate sarebbe senz’altro più gradevole con una piscina in cui rinfrescarci ogni volta che vogliamo. 
Oggetto del desiderio di molti, ma purtroppo non alla portata di tutti: chi non ha mai sognato di averne una nel proprio giardino?

Per chi ha sempre desiderato una piscina, le piscine fuori terra rappresentano un’alternativa economica rispetto alle piscine interrate e sono perfette per combattere il caldo e divertirsi durante le lunghe giornate estive.

In questo articolo cercheremo di darvi qualche consiglio utile per guidarvi nell’eventuale acquisto di una piscina fuori terra.

piscine fuori terra


Piscine fuori terra: i vantaggi

Ammettiamolo: quando sogniamo di tuffarci in una bella piscina blu e tutta nostra, una piscina fuori terra non è la prima immagine che ci viene in mente.

Tuttavia, rispetto alle piscine interrate, le piscine fuori terra presentano una serie di vantaggi da non sottovalutare.

  • Innanzitutto il costo di una piscina fuori terra è decisamente minore di quello di una piscina interrata. In commercio infatti, si possono trovare ottime piscine fuori terra a prezzi relativamente bassi.

  • Il minor costo è anche una conseguenza del fatto che installare una piscina fuori terra è piuttosto semplice. Non sarà necessario affrontare lunghi lavori di preparazione, come scavi nel terreno e la costruzione di un impianto per l’acqua di riempimento, ricambio e per lo scarico.

  • A differenza di ciò che accade con le piscine interrate, per le piscine fuori terra non servono permessi: non sono necessarie concessioni edilizie e dunque non sono soggette a tasse.

Insomma, scegliere una piscina fuori terra può rivelarsi la soluzione migliore, soprattutto se si vuole evitare una spesa eccessiva, in termini di denaro e di tempo.

Inoltre, le piscine fuori terra:

  • sono facilmente montabili e smontabili;
  • sono disponibili in tantissime forme e modelli, adatti anche per chi non dispone di grandi spazi;
  • richiedono una minore manutenzione.

Piscine fuori terra: consigli 

Acquistare una piscina fuori terra invece di una interrata è dunque molto meno impegnativo, tuttavia, per scegliere quella che meglio fa al caso vostro dovrete fare alcune considerazioni importanti.

Per capire quali caratteristiche dovrà avere la vostra piscina fuori terra, dovrete prima valutare bene le vostre esigenze.

Scegliete e misurate lo spazio che avete a disposizione

Individuare il punto dove andrete a collocare la piscina e l’ampiezza dell’area è la prima cosa da fare. Oltre alla grandezza della piscina in sé, dovrete considerare infatti un ulteriore spazio di almeno 1 metro per l’installazione della pompa filtro, una scaletta di sicurezza e un eventuale piccolo locale tecnico.

Sarebbe meglio scegliere una zona soleggiata, protetta dal vento e lontana dagli alberi che, oltre a fare ombra, sporcherebbero continuamente l’acqua con le foglie e rischierebbero di danneggiare il fondo della piscina con le radici.
Inoltre, è bene non montare la piscina in vicinanza di fili elettrici, sopra raccordi di acqua, gas oppure su terreni paludosi.

Tenete presente che nelle vicinanze della piscina dovranno esserci:

  • una presa elettrica per la pompa di filtraggio;
  • una presa d’acqua per riempirla;
  • uno scarico per svuotarla.

Il terreno dell’area della vostra piscina fuori terra dovrà essere il più possibile piatto e privo di irregolarità. In alcuni casi potrebbe essere necessario un piccolo lavoro di livellamento del terreno oppure la sistemazione di una base.

I fondi ideali sono erba, sabbia e cemento. Prima di posizionare la piscina, pulite bene il terreno, eliminando sassi, rametti e qualsiasi cosa che possa bucare la piscina. Una soluzione ottimale è quella di stendere un telo in pvc per evitare il contatto diretto tra la piscina e il terreno e limitare la possibilità di forature. 

Scegliete dimensioni e forma della vostra piscina fuori terra

Ora siete pronti per valutare dimensioni e forma della vostra piscina fuori terra.

piscina fuori terra con contrafforti

In questo senso, una considerazione a parte va fatta per le piscine fuori terra dotate di contrafforti: alcuni tipi di piscine hanno infatti una struttura dotata di travi inclinate esterne, che servono per tenerle in piedi in modo stabile. In questo caso, se sceglierete una piscina di questo tipo dovrete considerare almeno 1 metro in più di dimensioni.


IL CONSIGLIO DI BIA: Power Steel - Piscina fuori terra di Bestway, che trovate sul nostro sito web. 

Per quanto riguarda la forma, le piscine rettangolari e le tonde sono le più popolari e richieste.

 

piscina fuori terra rettangolare

Una piscina fuori terra rettangolare ha il pregio di massimizzare lo spazio in giardino e, se abbastanza lunga, permette anche piccole nuotate e giochi d’acqua.

IL CONSIGLIO DI BIA:  Piscina fuori terra rettangolare Intex, che trovate sul nostro sito web.
 



piscina fuori terra rotonda

Tra i vantaggi delle piscine fuori terra rotonde invece, ci sono una maggiore semplicità nel montaggio e uno specchio d’acqua più ampio. 

IL CONSIGLIO DI BIA: Frame Beachside - Piscina fuori terra Intex rotonda, che trovate sul nostro sito web. 


E la profondità?
Per valutare questo aspetto dovete chiedervi a chi è destinata la vostra piscina fuori terra. Una maggiore profondità di solito è apprezzata perché permette di nuotare, ma se avete dei bambini, una piscina fuori terra con pareti più basse e meno acqua, sarà sicuramente più sicura e adeguata.

Scegliete la tipologia di piscina fuori terra che preferite

Possiamo distinguere tre tipologie principali di piscine fuori terra.

  • Piscine fuori terra autoportanti (o morbide): sono molto economiche e facili da installare. Spesso sono rotonde e la struttura si regge da sola, grazie alla presenza di un anello gonfiabile. Sono resistenti, ma molto leggere e adatte a un utilizzo esclusivamente estivo, in quanto temono le basse temperature.

  • Piscine fuori terra frame: sono molto più resistenti e hanno una struttura tubolare esterna che regge la piscina in prossimità del bordo. Possono essere sia tonde sia rettangolari e possono essere lasciate in giardino (meglio se coperte da un telo) senza doversi preoccupare di smontarle ogni volta dopo l’uso.

  • Piscine fuori terra rigide: sono le più eleganti e costose, poiché hanno grandi dimensioni e una struttura adatta a rimanere montata anche nei mesi invernali.

A queste tre tipologie possiamo aggiungere le piscine gonfiabili idromassaggio, perfette per chi vuole creare nel proprio giardino o terrazzo un angolo esclusivamente dedicato al relax.

Attualmente in commercio esistono spa gonfiabili all’avanguardia, costruite in materiali resistenti, dalla struttura robusta e con interni morbidi e confortevoli.

La piscina idromassaggio è ottima anche per alleviare muscoli tesi e dolori grazie all’
idroterapia che massaggia e rinvigorisce.

Ma non tutti i getti della piscina idromassaggio sono uguali:

  • Getto ad aria
    piscina idromassaggio gonfiabile

    produce una corrente di leggera intensità consentendo un massaggio più superficiale. 

    IL CONSIGLIO DI BIA: Lay-Z-Spa Paris Airjet di Bestway, che trovate sul nostro sito web.

       

    • Getto ad acqua: usa l’acqua presente nella vasca per produrre una forte corrente che permette un massaggio del corpo mirato e totale. 
    • Combinato acqua-aria
      piscina idromassaggio gonfiabile

      usa sia acqua che aria, per un massaggio poco profondo e drenante, favorendo la circolazione.

      IL CONSIGLIO DI BIA: Lay-Z-Spa Hawaii Hydrojet Pro di Bestway, che trovate sul nostro sito web.

     

     

     

    Bene, ora potete dire di saperne qualcosa di più sulle piscine fuori terra: pronti per fare la vostra scelta?

    E mi raccomando non dimenticate la manutenzione! Non temete, è più complicato a dirsi che a farsi, ve ne parliamo qui.


    Lascia un commento

    Attenzione! I Commenti verranno valutati prima di essere approvati e pubblicati