Come allestire un acquario d'acqua dolce: tutti i passaggi

Allestire un acquario è un'operazione che va eseguita con molta attenzione e dedizione, tuttavia è meno difficile di quanto si pensi. Se desiderate avere un acquario d'acqua dolce in casa vostra, in questo articolo troverete alcuni consigli utili per iniziare. 

 

Avere un acquario è il sogno di molti amanti della natura e dei pesci, nonché di chi desidera dare un tocco originale all'arredamento di casa. Allestire un acquario per pesci non è certo un'operazione da prendere alla leggera, ma è sicuramente alla portata di chiunque voglia iniziare a cimentarsi con questo hobby.

Se state pensando di fare un acquario e siete disorientati dalle diverse tipologie presenti sul mercato, così come dalla quantità di accessori e gadget disponibili, in questo articolo cercheremo di consigliarvi e guidarvi passo passo nell'allestimento di un acquario

Ai principianti dell'acquariologia che si stanno chiedendo quale acquario scegliere, consigliamo di cominciare con l'allestimento di un acquario di acqua dolce, molto più economico e semplice da mantenere. Questa tipologia di acquario richiederà tempo ed energie iniziali, per l'allestimento e la messa a regime ma, una volta avviato, vi basteranno soltanto pochi minuti al giorno per la sua manutenzione.

Ora vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi per allestire un acquario di acqua dolce, tropicale o di acqua fredda.

Acquario: dove metterlo 

La prima cosa da fare è trovare la giusta posizione per l'acquario ed è fondamentale valutarla attentamente.

Prima dell'acquisto, pianificate bene il punto della casa in cui mettere l'acquario: dalla quantità di spazio che avrete a disposizione, dipenderà la grandezza della vasca.

Inoltre, assicuratevi che il vostro acquario:

  • sia lontano dalla luce diretta del sole, che potrebbe causare la proliferazione di alghe infestanti nella vasca;

  • sia lontano da ventilatori o simili: spostano polvere che potrebbe finire nella vasca e renderebbero più difficile mantenere costante la temperatura dell'acqua;

  • sia vicino almeno a una presa di corrente: vi servirà per far funzionare il sistema di filtraggio, l'illuminazione e, se deciderete di avere un acquario di acqua dolce tropicale, anche il riscaldatore;

  • abbia una base adeguata a sostenerne il peso, una volta che l'avrete riempito con acqua, pesci e tutti gli accessori.

Vasca per acquario: quale scegliere

In commercio troverete acquari di diverse tipologie, dimensioni e capacità. Scoprite gli acquari di acqua dolce disponibili sul nostro sito web!

La scelta della vasca dell'acquario è strettamente legata al numero e al tipo di pesci che desiderate mettervi: le differenti varietà di pesci infatti, si distinguono anche per la quantità di spazio di cui hanno bisogno e di sporcizia che producono.

Se siete dei principianti, il nostro consiglio è di cercare una vasca già completa di tutti gli accessori fondamentali come filtro interno, illuminazione, riscaldatore e timer.

Acquario di acqua dolce a LED da 94 litri

Un esempio per partire? L'acquario a LED Askoll da 94 litri, disponibile sul nostro sito web, anche nella versione più piccola da 68 litri.

Questo acquario di acqua dolce dal design elegante si adatta a qualunque ambiente ed è già provvisto di tutto ciò che serve per metterlo in funzione fin da subito.

 

 

Allestimento acquario: il fondo

Quando inizierete ad allestire il vostro acquario, il fondo è il primo elemento che dovrete inserire. 

Se avete intenzione di inserire delle piante, vi servirà un fondo fertile per dare nutrimento alle radici, che andrà poi ricoperto da uno strato di ghiaia o sabbia inerti.
Ricordate che anche le piante dell'acquario richiederanno manutenzione per cui, se all'inizio non volete complicarvi troppo la vita, potete anche decidere di creare un acquario senza piante e utilizzare soltanto il fondo di ghiaia o sabbia.

Prima di inserire la ghiaia nell'acquario ricordatevi di lavarla accuratamente, soltanto con acqua, non usate prodotti chimici!

Il fondo serve all'orientamento dei pesci e migliora la prospettiva di chi osserva l'acquario dall'esterno: disponete una maggiore quantità di ghiaia e sabbia nella parte posteriore della vasca e diminuitela man mano man mano che procedete verso il centro e la parte anteriore. 

Dopo aver inserito il fondo, potete iniziare a versare l'acqua: riempite parzialmente la vasca con acqua tiepida, facendo attenzione a coprire il fondo con una piastra o una pentola, per evitare che si disperda o si mescoli.

Allestimento acquario: rocce e legni

Rocce e legni sono decorazioni per acquario che sono spesso utilizzate dai pesci come nascondiglio e sono utili a nascondere tubi e altri accessori tecnici.

Potete disporli a vostro piacimento, ricordando di lavarli bene prima, sempre ed esclusivamente con acqua. I legni possono anche essere fatti bollire in pentola per un po', in questo modo saranno ben disinfettati e sicuri per i pesci.

Piante per acquario

Piante per acquario

La funzione delle piante nell'acquario è molto importante: sottraggono l'anidride carbonica prodotta dai pesci, restituendo loro ossigeno, e contrastano la formazione di alghe.

Se avete intenzione di inserire delle piante dovrete assicurarvi che siano adatte ai pesci che metterete nell'acquario.

Inserite le piante nell'acquario a vasca parzialmente piena, affondando bene le radici nella ghiaia e nel substrato di terra fertile. 
Alcune piante da acquario hanno radici aeree, per cui usate del filo da pesca per legarle a legni o rocce e fissarle meglio.

Se, in quanto principianti, non ve la sentite di affrontare la manutenzione delle piante, potete utilizzare piante sintetiche, in plastica lavabile o in seta, che però avranno una funzione meramente estetica e non contribuiranno al benessere dei pesci. Il nostro consiglio è di provare con piante vere, facendovi consigliare due o tre varietà di piante per acquario resistenti e facili da curare.

Allestimento acquario: filtro, illuminazione e riscaldamento 

Dopo aver riempito totalmente la vasca si può procedere con l'accensione di filtro, luci e riscaldamento.

Gli impianti di filtraggio, illuminazione e termoriscaldamento sono attrezzature tecniche fondamentali per il funzionamento di un'acquario e determinano il benessere dei pesci che vivono all'interno. 

  • Il filtro dell'acquario ripulisce l'acqua dalle sostanze tossiche emesse dai pesci e, in generale, dalle impurità, e la mantiene in movimento, apportando ossigeno.

  • Le luci dell'acquario sopperiscono alla mancanza di luce solare (che come abbiamo detto scalderebbe troppo l'acqua e sarebbe dannosa per i pesci dell'acquario). Le ore di luce artificiale devono tenere conto dei ritmi sonno/veglia delle specie di pesci che vorrete inserire.

  • Il termoriscaldatore serve a riscaldare l'acqua, qualora decideste di ospitare nel vostro acquario pesci tropicali, gli acquari di comunità prevedono temperature sui 25 gradi.

Come già accennato, ai principianti consigliamo di acquistare acquari di acqua dolce che abbiano questi accessori già installati, ma se doveste procedere voi stessi alla scelta e all'installazione di questi elementi, il nostro consiglio è di rivolgervi al personale esperto dello store in cui avete acquistato l'acquario.

Maturazione dell'acquario

L'errore tipico del principiante sarebbe, a questo punto, quello di inserire subito i pesci, ma dovrete aspettare almeno un mese, in modo da creare un ambiente biologico stabile e in cui andranno monitorati tutti i parametri dell'acqua (pH, ammoniaca, nitriti e nitrati).

Per questo motivo acquario e pesci non vanno mai acquistati contemporaneamente.

In questa fase dovrete introdurre un attivatore batterico per acquario.
Si tratta di un flacone contenente batteri buoni che si attivano una volta versati in acqua, creando un micro ecosistema simile all'habitat naturale dei pesci che saranno introdotti nell'acquario.
I batteri utili hanno una funzione depurativa dell'acqua, eliminando ammoniaca e nitriti che, se presenti in quantità eccessiva, potrebbero nuocere alla salute dei pesci. Possono essere introdotti attraverso il filtro o direttamente nell'acqua.

Prima di inserire i pesci nell'acquario andranno effettuati i test dei parametri dell'acqua, soprattutto il contenuto di ammonio (NH4), nitriti (NO2), nitrati (NO3) e PH.

Inserimento dei pesci nell'acquario 

Pesci per acquario

Terminata la fase di maturazione, è finalmente arrivato il momento di inserire i pesci nell'acquario.

Per la scelta dei pesci per acquario vi suggeriamo di cercare un negozio specializzato, con personale preparato e aggiornato, che sappia consigliarvi al meglio e chiarire ogni vostro dubbio.
Non tutti i pesci infatti sono facili da curare per un principiante, così come non è detto che alcune specie siano compatibili e possano vivere nello stesso acquario.

Inserite i pesci poco per volta: partite con due o tre pesci che lascerete da soli per una decina di giorni e, successivamente inseritene altri due. 
Mettere tutti e troppi pesci nello stesso momento in una vasca nuova, comprometterà il filtraggio e la qualità dell'acqua, facendola diventare tossica in poco tempo.

Per fare ambientare gradatamente i pesci nel nuovo acquario, suggeriamo di inserirli insieme al sacchetto di plastica in cui si trovano al momento dell'acquisto.
Il nostro consiglio è di lasciare i pesci nel sacchetto fino ad avere metà acqua del sacchetto e metà acqua dell’acquario, lasciare il sacchetto galleggiare nell'acquario per 20 minuti, pescare i pesci e inserirli nell’acquario

 

Allora? Non è così difficile come pensavate, vero? 
Naturalmente in questo articolo vi abbiamo descritto i passaggi principali, per cui vi consigliamo di documentarvi il più possibile e soprattutto di affidarvi a un negozio specializzato.
Gli addetti del reparto zoo di Bia Home & Garden sono a vostra disposizione per consigliarvi e informarvi su tutto ciò che serve a introdurvi nel magico mondo degli acquari!


You may also like

Visualizza tutto
Example blog post
Example blog post
Example blog post