Scegliere il prato giusto: ecco un utile vademecum

Un facile test per capire quali sementi ti servono e consigliarti il prato migliore per le tue esigenze.

Che sia un giardino piccolo o grande il prato non può mancare, ecco i consigli per scegliere quello migliore e per preparare il terreno alla semina.

Iniziamo passo passo a conoscere tutti i trucchi per avere un prato perfetto, in questo primo articolo parleremo di come scegliere il miscuglio più adatto alle nostre esigenze e di come preparare il terreno per la semina. Nei successivi impareremo gli accorgimenti da avere durante e dopo la semina, scopriremo come e quando si dovrà tagliare, tutte le regole base per una buona irrigazione senza sprechi, e su una buona manutenzione nel tempo.

Considerazioni generali per scegliere il prato giusto

Sembra scontato dirlo, ma non esiste un tappeto erboso perfetto per tutti i giardini, però esiste un prato perfetto per il nostro giardino, basta farsi le domande giuste prima di procedere alla semina. Innanzitutto bisogna chiedersi: che uso ne faccio? Ovvero il prato avrà principalmente una funzione decorativa oppure subirà calpestio da parte mia e dei miei animali?

La seconda domanda da farsi è quella inerente al clima, il mio giardino si trova in una zona fredda in cui piove molto oppure in una zona in cui c’è caldo e con lunghi periodi di siccità? Ed infine il mio terreno è esposto sempre al sole o in ombra?

Quando posso seminare il mio prato?

Ogni tipologia di seme ha il suo periodo ideale per la germinazione, è importante quindi rispettare le indicazioni date sulla scatola. Va tenuto presente che per lo stesso miscuglio può variare il periodo migliore a seconda dell’ambiente in cui cresce. I periodi migliori per procedere alla semina sono l’autunno e la primavera, stagioni in cui ci sono condizioni climatiche fresche e umide.

Preparare il terreno nel modo giusto

Prima di procedere alla semina ci sono alcune operazioni fondamentali per la preparazione del terreno:

  1.  innanzitutto bisogna verificare la profondità, affinchè il prato cresca il terreno dovrà essere profondo almeno 15 centimetri;
  2.  verificare che dopo una abbondante pioggia l’acqua sia ben scolata, se ci sono dei ristagni d’acqua ci sarà da intervenire sistemando la pendenza del terreno (dovrà essere 1-2%);
  3.  rimuovere eventuali detriti e sassi, in modo tale da avere un prato omogeneo e privo di elementi di potenziale pericolo;
  4.  se sono presenti delle infestanti è opportuno procedere al diserbo, sia manuale rimuovendo le piante, sia con l’utilizzo di diserbanti, chimici ad ampio spettro o ecologici come l’acido acetico;
  5.  infine circa una settimana prima della semina è bene lavorare il terreno, così facendo si crea la condizione ideale per la capacità di trattenuta dell’acqua e dell’aria.

Fatte tutte le considerazioni preliminari tra una settimana si potrà procedere alla semina vera e propria.


Lascia un Commento

Attenzione! I Commenti verranno valutati prima di essere approvati e pubblicati